Methodos

Come espresso nel punto 6. del Manifesto Methodos, il nostro desiderio è di promuovere l’esperienza di una comunità in cammino e in dialogo a partire dal Manifesto.

Il testo stesso, infatti, non vuole proporsi come voce autoreferenziale e impositiva, ma aperta e in risonanza con le prospettive teor-etiche di ciascun ricercatore, percorrendo insieme un “methodos del di più”, il metodo che accade tra di noi.

Il Manifesto si propone come “mappa” di orientamento nel territorio dell’ontologia trinitaria in cui ciascuno di noi è protagonista con il proprio percorso, e ancor di più nel percorso comune che possiamo esplorare insieme.

Il Manifesto è corredato di n. 261 glosse “informative” (contenutistiche) e “performative” (formali: nate dai dialoghi in aula e che invitano al coinvolgimento di ciascun lettore) a singoli termini o espressioni, e in continuo aggiornamento. Le glosse sono frutto del methodos dialogico di un pensare-insieme informato dal darsi reciproco che il ritmo trinitario dell’essere ontologicamente dischiude e invita a seguire singolarmente e comunitariamente, esistenzialmente, intellettualmente ed epistemologicamente; e desideriamo portare avanti l’esperienza di questa metodologia anche con il blog “trinitarian-ontology”, così che arricchimenti alle glosse o nuove glosse possano sorgere dal nostro dialogo. Di volta in volta, le glosse suscitate nel crescere del dialogo potranno da noi essere pubblicate nel blog.

Potete anche voi contribuire al dialogo, lasciando commenti o richieste di chiarimenti al Manifesto, corredati di una vostra presentazione accademica.

Inoltre, il nostro desiderio è che, a partire da qui, la nostra interazione continui tra le dimensioni della vita accademica, nella possibilità di organizzare eventi comuni di incontro e di approfondimento di questo orizzonte e prospettiva in dialogo tra filosofia e teologia e le scienze tutte.